Archivi categoria: poesie@inpausa

poesie da leggere nei momenti di disattenzione

Verande d’azzurro

Poesia di Pietro Pancamo

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

I

Un laghetto di fumo nel cuore...
Processioni di frasi lasciano calzature 
d'intelligenza
prima di entrare nella moschea delle bocche.

II

I profumi sorridono tra le maschere di
foglie. E lettere serpentine
indossano pastrani di luce.
III

Un gregge di bagliori
alle pendici dei versi
nasconde l'Ulisse della mia ispirazione...

Canicola di gioia, tanfo d'allegria
negli sguardi ciclopici del solo occhio
giornaliero. Spranghe di felicità
negli acuti del sole
e, fra verande d'azzurro, spaventapasseri di
poesia...
IV

Tachicardia di vento nei vesti: il vento,
cuore del cielo...
Le nuvole sembrano covoni di luce,
capanne di fieno
intorno al pagliaio del sole. Nel raspo degli
alberi
festoni d'aria, e gli occhi sono brandelli di
nostalgia tra festuche di tempo allegro.
Stelle filanti d'erba, pendii agitati fra la
bonaccia della pianura...
V

Terra diroccata e baracche di collina.
Villaggi di sole.

Dal lievito nullo di rocce azzime,
paesini salgono
pioli di luce.
Verande d’azzurro di Pietro Pancamo

Waterfall – Aakash Gandhi

Download: https://www.youtube.com/audiolibrary_…

Pietro Pancamo (1972) è autore della raccolta poetica «Manto di vita» (LietoColle).È stato incluso nell’antologia  «Poetando» (Aliberti), curata da Maurizio Costanzo; il blog «Poesia» della Rai gli ha pubblicato una breve silloge di liriche e la radio nazionale della Svizzera italiana gli ha dedicato una puntata del programma «Poemondo».Fra il 2020 e il 2021 ha collaborato con “Il sabato del racconto”, rubrica settimanale dell’edizione parmense de «la Repubblica».
Fra le testate che lo hanno recensito –o su cui sono usciti, talora in inglese, suoi articoli, versi o racconti– figurano il «Corriere della Sera», «Il Fatto Quotidiano», «La Stampa», «Poesia» (Crocetti editore), «Atelier», «Gradiva», «Poetarum Silva», «Carmilla», «Vibrisse», «Il Ridotto», «Il Paradiso degli Orchi», «Cronache Letterarie», «FantasyMagazine», «IF. Insolito & Fantastico», «El Ghibli», «Scriptamanent» (Rubbettino editore), «Suite Italiana», «Il cucchiaio nell’orecchio», «Beyond Thirty-Nine», «Il Cofanetto Magico», «CoolMag», «Il Pickwick» e «Diogen» (rivista di Sarajevo, fra le più importanti d’Europa).

Se questa poesia ti ispira condividila tra le persone che conosci e che pensi possano trarne piacere e giovamento, cliccando i tasti qui sotto.

Ora la rubrica poesia@inpausa puoi ascoltarla su Spotify, Spreaker, Google Podcasts, Deeper, Jiosaavn, Podchaser Podcast Addict e farlo quando vuoi senza collegarti al sito; in auto, in metro, quando passeggi, quando corri, quando lavori, nei tuoi momenti di disattenzione!

Filosofia

Poesia di Pietro Pancamo

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Parole e frasi sono gli intercalari del
silenzio
che smette, ogni tanto,
di pronunciare il vuoto.

Allora qualche indizio di materia
deforma l'aria,
descrivendo le pause del nulla 
prima che il silenzio
si richiuda.

(Le mani s'infrangono
contro un gesto incompiuto)
Filosofia di Pietro Pancamo

Title: Reflections Artist: MK2

Genre: Ambient Mood: Calm

Download link: https://www.youtube.com/audiolibrary_…

All Music: https://www.youtube.com/channel/UCEZc…

Pietro Pancamo (1972) è autore della raccolta poetica «Manto di vita» (LietoColle).È stato incluso nell’antologia  «Poetando» (Aliberti), curata da Maurizio Costanzo; il blog «Poesia» della Rai gli ha pubblicato una breve silloge di liriche e la radio nazionale della Svizzera italiana gli ha dedicato una puntata del programma «Poemondo».Fra il 2020 e il 2021 ha collaborato con “Il sabato del racconto”, rubrica settimanale dell’edizione parmense de «la Repubblica».
Fra le testate che lo hanno recensito –o su cui sono usciti, talora in inglese, suoi articoli, versi o racconti– figurano il «Corriere della Sera», «Il Fatto Quotidiano», «La Stampa», «Poesia» (Crocetti editore), «Atelier», «Gradiva», «Poetarum Silva», «Carmilla», «Vibrisse», «Il Ridotto», «Il Paradiso degli Orchi», «Cronache Letterarie», «FantasyMagazine», «IF. Insolito & Fantastico», «El Ghibli», «Scriptamanent» (Rubbettino editore), «Suite Italiana», «Il cucchiaio nell’orecchio», «Beyond Thirty-Nine», «Il Cofanetto Magico», «CoolMag», «Il Pickwick» e «Diogen» (rivista di Sarajevo, fra le più importanti d’Europa).

Se questa poesia ti ispira condividila tra le persone che conosci e che pensi possano trarne piacere e giovamento, cliccando i tasti qui sotto.

Ora la rubrica poesia@inpausa puoi ascoltarla su Spotify, Spreaker, Google Podcasts, Deeper, Jiosaavn, Podchaser Podcast Addict e farlo quando vuoi senza collegarti al sito; in auto, in metro, quando passeggi, quando corri, quando lavori, nei tuoi momenti di disattenzione!

Che cosa è per noi la poesia?

Illustrazione di Domenico Laghezza

Ti sei mai chiesto cosa rappresenta la poesia?

Secondo te, abbiamo bisogno di poesia?

Per me la poesia è un’immagine di parole come la fotografia è un’immagine di luce.

Entrambe sono due espressioni che contraddistinguono l’uomo da tutte le altre creature della terra.

Solo noi siamo in grado di farlo.

Sono lieta di presentarvi Pietro Pancamo, un poeta che come vedete dalla sua biografia a pié pagina è già conosciuto.

Pubblico oggi queste poesie in occasione del Salone del Libro di Torino; ed auguro a tutti che sia veramente un ritorno alla normalità.

Con questo post ne pubblico due, spero siano di tuo gradimento e nel caso che esse ti ispirino condivile tra le persone che conosci e che pensi possano trarne piacere e giovamento.

Fammi sapere qual’è la tua definizione di poesia ed il suo ruolo nella tua vita!

Le storie di Nina

AEREOPLANO

Poesia di Pietro Pancamo

Voce di Graziella Brusa

Aereoplano

Musica: Long note four

Music ⓒ – Kevin MacLeod

Terms and conditions https://youtu.be/qnC_ljR-0aQ

Share this video – Channel trailer: https://www.youtube.com/watch?v=HxAg2…

All playlists https://www.youtube.com/user/AudioLib…

All music https://www.youtube.com/playlist?list…

Ambient https://www.youtube.com/playlist?list…

Dark https://www.youtube.com/playlist?list…

> 5ː00 https://www.youtube.com/playlist?list…

Synth https://www.youtube.com/playlist?list…

Strings https://www.youtube.com/playlist?list…

Attribution required https://www.youtube.com/playlist?lis

Se tento
di raggiungere il cielo
la distanza rimane invariata.
m' avvicino
soltanto alle nubi.

IN INCOGNITO

Poesia di Pietro Pancamo

Voce di Graziella Brusa

In incognito

Musica: Lithium

Music ⓒ – Kevin MacLeod

Terms and conditions https://youtu.be/qnC_ljR-0aQ

Share this video – Channel trailer: https://www.youtube.com/watch?v=HxAg2…

All playlists https://www.youtube.com/user/AudioLib…

All music https://www.youtube.com/playlist?list…

Ambient https://www.youtube.com/playlist?list…

Dark https://www.youtube.com/playlist?list…

2ː30 – 3ː00 https://www.youtube.com/playlist?list…

Synth https://www.youtube.com/playlist?list…

Piano https://www.youtube.com/playlist?list…

Strings https://www.youtube.com/playlist?list…

Attribution required https://www.youtube.com/playlist?list…

Dormo in incognito
per non farmi riconoscere dagli incubi.

Scavano per l'aria come talpe;
hanno un paio d'occhi
larghi e fotofobici.

Sul comodino 
il lume acceso mi nasconde.

Pietro Pancamo (1972) è autore della raccolta poetica «Manto di vita» (LietoColle).È stato incluso nell’antologia  «Poetando» (Aliberti), curata da Maurizio Costanzo; il blog «Poesia» della Rai gli ha pubblicato una breve silloge di liriche e la radio nazionale della Svizzera italiana gli ha dedicato una puntata del programma «Poemondo».Fra il 2020 e il 2021 ha collaborato con “Il sabato del racconto”, rubrica settimanale dell’edizione parmense de «la Repubblica».
Fra le testate che lo hanno recensito –o su cui sono usciti, talora in inglese, suoi articoli, versi o racconti– figurano il «Corriere della Sera», «Il Fatto Quotidiano», «La Stampa», «Poesia» (Crocetti editore), «Atelier», «Gradiva», «Poetarum Silva», «Carmilla», «Vibrisse», «Il Ridotto», «Il Paradiso degli Orchi», «Cronache Letterarie», «FantasyMagazine», «IF. Insolito & Fantastico», «El Ghibli», «Scriptamanent» (Rubbettino editore), «Suite Italiana», «Il cucchiaio nell’orecchio», «Beyond Thirty-Nine», «Il Cofanetto Magico», «CoolMag», «Il Pickwick» e «Diogen» (rivista di Sarajevo, fra le più importanti d’Europa).

METAMORFOSI

Poesia di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Le storie di Nina

Se cerchi la sua voce
non abita più qui 

Vedi 

Le luci sono spente
l'uscio aperto 
all'arrivo di nessuno
e piante estranee 
crescono liberamente
spontanee ed indifferenti

A terra stanno ancora i suoi dischi
che più  nessun grammofono 
potrà far rivivere

Ritagli di giornale 
danzano nell'aria sospesa
girato contro una parete
un ritratto

E di lontano stridono i gabbiani

C'è nella vita un anelito
all'iridescenza di un nume
che illumina e significa
la strada dei sensi e del cuore

C'è nella vita un abisso
che un giorno ti ha guardato dentro

C'è nella vita uno specchio
che un giorno ti ha restituito Te Stesso

C'è nella vita un cammino
che un viandante notturno percorre in un viaggio d'inverno

C'è nella vita un istante in cui le mani libere ti restituiscono
al tuo volto

Se questa poesia ti ispira condividila tra le persone che conosci e che pensi possano trarne piacere e giovamento, cliccando i tasti qui sotto.

Metamorfosi

Musica di sottofondo da : https://audiotrimmer.com/it/royalty-free-music/

Grazie!

callas à paris

Poesia di Marco Cavallero

Illustrazione di Domenico Laghezza – Ritratto di Patrizia Scintu

Voci recitanti:

Patrizia Scintu, attrice professionista e percussionista

Chiara Baruffaldi, studentessa di canto e recitazione

Entrambe hanno frequento corsi di teatro e la Scuola di Doppiaggio di Brescia

Le storie di Nina

Classificazione: 1 su 5.

Palais Garnier splende
Della sua solita follia eclettica
Dagli ascensori Liberty
Una folla di folli melomani
Si accalca da ogni parte d'Europa
E popola una sala già gremita
Ciascuno con il proprio dono d'amore
La Divina
Colei che si fece Melodramma
Sarà una volta ancora Norma
Intorno, la ville de Bohéme
Et de la Dame aux Camélias
Si è fatta coacervo di un'altra vita,
Banlieue, l'Olimpia, il Concorde,
Frenesia di vetture
La moda a poco prezzo
La televisione.
Bianconere immagini fluorescenti
Tremulano gli scandali del giorno
La BB francese, le cantine del jazz,
Il tramonto dell'esistenzialismo
La nascita di una nuova rivolta
La Callas e Onassis.
Dietro le quinte
Nell'anima oscura e segreta del teatro
Una costumista
Umile, solerte e premurosa
Cerca di vestire la cantatrice
Ma lei, riversa
Geme
Affranta dai dolori intercostali
Come nella peggiore delle opere
L'amante greco irrompe
E nell'alterco percuote
E ancora
E ancora
….
La brava donna non può credere
A ciò che vede
Ma in gola le muore ogni parola
Ligia al suo ruolo comprimario.
Nella sala, gli ori bruniscono
Alle luci che si smorzano
Mentre i gioielli lanciano bagliori
Come i cuori in attesa.
Loro non sanno
Che la vera tragedia si compie altrove
Che il teatro ha un'anima segreta
Tanto, che mai traccia di quella miseria
Possa arrivare in palcoscenico.
La voce di Maria è un sussurro.
Nessun sostegno la conforta
E si spegne prima di raggiungere
Il suo sovracuto.
La folla si macera, nello struggimento
E nella nostalgia di quella nota mancata
Al second'atto l'arioso dei teneri figli
È un canto orfico d'oltretomba
Effimera illusione di una rinascita
Al duetto l'impietoso confronto con Adalgisa
Spegne in lei ogni forza
E il sipario cala su un'opera incompiuta.
Mentre si prepara per la Carmen,
Denise Scharley esterrefatta
Ascolta dalla buona costumista
Il racconto del dramma compiutosi
Nell'anima segreta del teatro
E lo custodisce nel suo cuore.
….
Molti anni dopo, un luminare
Rompe il segreto d'ufficio
E rivela la cagione della tua sofferenza
Essa ha un nome greco
Ed è rara come lo è stata
L'arte tua, e altrettanto incurabile.
Sulle bancarelle trovai
Questo vinile
"Callas à Paris "
Che tutta questa storia pareva
Avere impressa in copertina
Gli oggetti hanno questo di sorprendente
Che in essi il tempo si è fermato.

Ti è piaciuta ? Condividi o regalala ai tuoi amici!

Casta Diva

Poesia di Marco Cavallero

Illustrazione di Elsa Rubino

Voce recitante : Patrizia Scintu

Voce cantante: Chiara Baruffaldi

Casta Diva

Per poter ascoltare e collezionare tutte la raccolta di letture poetiche, registrati a:

Le storie di Nina

Da quale abisso sorgi
Malcontenta sorella notturna
E transiti di sogno in sogno
Insoddisfatta e trepida
D'attesa e disincanto
Alla voce di colei
Che ti cantò Immortale

Piangi.
Lacrime di luce
Serpeggiano la strada
Per estinguersi
nell'esalazione argentea dei gelsomini
Che fremono, oltre l'oscurità
E per morire, ingrate,
Fra le mille scintille del mare.

Dove si cela il tuo sguardo,
Dove lo hai perso
Se anche fra brume e caligini
Che ottundono sensi e desideri
L'ombra di un riverbero
Evoca e invoca
L'amata Immortale
E tu l'attraversi
Mille volte invano
Senza altro esito
Che rinnovata perdita.

Ah se anche potessi
Pallida luna errante
Quale Orfeo celeste trarla dall'Ade
Non la tua luce
Ma la voce sua
Compirebbe il mirabile Incanto

Per tornare a lasciarci eppure
Soli e abbandonati

Al presagio del mattino

Classificazione: 1 su 5.

Attribuisci un punteggio! E condividi. Grazie.

Specchio d’infanzia

Una poesia di Marco Cavallero
Fotografia di Graziella Brusa



Anche gli specchi sanno essere traditori

Raccattato sotto il portico
L'attaccapanni del nonno
Ne incorniciava uno al nitrato d'argento
Malato di striature e di cadute
Nella fatica del trasporto e del restauro
Polvere e sporco lo facevano silente
E opaco.

Ma uno sguardo involontario
Apre istantaneo un mondo perduto
E dallo specchio un io bambino
Ti guarda e ti chiede

Che ne hai fatto?

Che ne hai fatto di quel sole
Che dalle persiane serrate
Diceva del silenzio del meriggio
Al ronzio di vespe e calabroni

Nella camera in penombra
Muri scrostati e ridipinti
Disegnavano carte geografiche
Di terre ignote e incompiute
In attesa di viandanti indagatori

E nel cortile un catino e del sapone
Ti rammentava il lavacro mattutino

Che ne hai fatto di quei viaggi
Che un rottame in mezzo al campo
Ti conduceva per gesta e per contrade
E del ciliegio, carico di anni e di frutti.

Che ne hai fatto di quel mare
Flutti in tempeste semoventi
Spume variegate e onde algenti
Che il linoleum della scuola
Ti donava per incanto e per malia

Che ne hai fatto di quel volto
Severo d'amore e sofferenza
Che nonna aveva quando ti parlava
E raccontava persa nei ricordi
Seduta vicino al ballatoio
E la guerra era nei suoi occhi
Nel suo sguardo fermo
Nelle parole parche
Nelle frasi non finite.

Che ne hai fatto
Degli spartiti e del pianino
Che tua zia smarrita nella mente
Strimpellava cavando suoni
Di un altro secolo

Che ne hai fatto
Di quei fiori
Che tua madre portava
Alla memoria
Di colei scomparsa
Prima che la vita potesse conquistarla

Di', che ne hai fatto?

Oltre gli sfregi dello specchio offeso
Un bimbo s'allontana
Un fascio di versi
Fra le mani.

Se ti é piaciuta la poesia di Marco CONDIVILA con i pulsanti che troverai qui sotto. Grazie.

AD alta voce

Poesia 3° classificata al concorso di poesia del blog LA BOTTEGA DI IDEE

Poesia di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Respira
Tieni basso il diaframma 
Ed alto il suono in risonanza
Apri la tua bocca 
Ma non aprire il tono
Canta nel dire
E sciogli l'anima in un'aria 
Che pochi sono i versi
E meno ancora
I giorni
Ad alta voce

Se ti è piaciuta la poesia di Marco, non esitare CONDIVIDILA

Ecco, piove

Poesia di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Ecco, piove.

Dalle grondaie scorre l'acqua 
In rivoli dal canto lucente di smalto
Mentre tamburi e timpani 
Risuonano fra tetti e strade
Dietro una finestra
una donna ignota osserva,
Assorta nelle stille che il suo pensiero
Traccia sul vetro dilavato 
Ma è immagine fugace
Oltre l'angolo 
i platani del corso ondeggiano
docili al richiamo dei venti di uragano
E lontano echeggia e rimbomba 
Un tuono. 

Inutile un riparo,
l'acqua scorre e infradicia
abiti collosi 
Scarpe quasi barche 
e lacrima il tuo volto
come pianto sacro
di una furente divinità silvana.

Almeno
non piove nel tuo cuore
troppo eroso
Dalle parole d'amore taciute.
Ecco, piove

Se ti è piaciuta la poesia di Marco, non esitare CONDIVIDILA

Rimorso

Poesia di Marco Cavallero

Illustrazione di Elsa Rubino

Colonna Sonora:

Una furtiva lacrima –

Gina Capone

Amazon Music

Quanta crudeltà può manifestarsi 
Nell'ingenua sincerità dell'infanzia?

A scuola, severo edificio umbertino,
La maestra assente per  mali di stagione,
Una supplente di mezz'età 
Chiamata all'ultim'ora 
Arriva, sciamannata, spettinata
Malvestita, gli occhi persi
Di chi già da tempo è  un'alcolista

Eppure un sorriso dolce 
Infiora un volto già appassito 
Incurante dei lazzi e degli scherni
Di una classe ormai in vacanza.

Dalla borsa, sdrucita e fuori moda,
Cava un libercolo dalla copertina gialla
E legge.

Sono le sue poesie
Ingenue, forse, ma care
Fra soli e lune, cuori e gemme
Scoiattoli e conigli
Piccoli animali da compagnia 
Bric-à-brac di una poetica spicciola 
Che le inumidiscono gli occhi
Di commozione. 

La classe ride.

Una delle prime ha una madre maestra,
Come la mia del resto 
E all'uscita, con posa saccente,
Deride la derelitta, scimmiottandone
I versi, inventando strafalcioni.

Le due maestre conoscono il mestiere
E disapprovano colei che fu incapace.

In quell'ora della mia infanzia,
Anch'io disapprovai 
Quasi provai invidia per la compagna 
Che si metteva in cattedra
E volli credere che veramente
Quella fosse incapace e inadeguata

Ma nel mio cuore,
...ah nel cuore…

Forse parlava uno spavento
Il terrore di riconoscersi
In chi non poteva esibire
Un valido passaporto sociale.

Non ti ho difesa
Povera supplente poeta
E questo è  il mio rimorso
Che dopo innumerevoli decenni
Riaffiora intatto
Ad insegnarmi la poesia.

Chi è Elsa Rubino:

Elsa è giovanissima, è nata nel 1995 a Torino.

Si è laureata nel 2019 in Lingue e Letteratura straniera, ora insegna.

E’ appassionata dell’arte e come puoi vedere e portata per l’illustrazione ed il disegno, specialmente il ritratto.

Che ne dici, non è bravissima?

Se ti è piaciuta la poesia di Marco, CONVIDILA, REGALALA O LEGGILA AI TUOI FIGLI. Grazie!

Ballata dell’amore e della morte

Poesia di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Corri, cavalca il tuo destriero 
Lasciati indietro il cuore
Sfida nel vento la morte:

Non puoi dimenticare. 

Quel che nel cuore è scritto 
Canta incessante con voce chiara 
Come il primo giorno 
Come il primo sguardo
Come il primo strazio
Come il primo addio
E ti chiama e ti possiede

Eco di un riflesso notturno.

Gli amanti che, giovani
Si dicono addio nella morte
Non possono cancellare dalla memoria
Tutta quella vita non vissuta
Che versa come fiele 
Un interrogativo che non ha risposta.
Rimangono puri
Nel loro essere non finiti
Circonfusi di nostalgia. 


Se credi che il mistero dell'amore
Sia più grande della morte
Anche tu come me sei pari a una rosa
Che nasce per l'amore 

E muore
Per il frutto.
Continua a leggere Ballata dell’amore e della morte

il lessico delle stagioni della vita

Raccolta di poesie di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazioni di Domenico Laghezza

Colonna sonora della lettura:

Le quattro Stagioni – Concerto in E Major, Op. 8 No. 4, RV 269 “Spring” Allegro , Antonio VIVALDI, BY Vivaldi Ensemble

Lessico dei giorni di aprile
LESSICO DEI GIORNI DI APRILE

Un nuovo risveglio ingentilisce
le aspre cortecce degli alberi
loro non sanno dell’incanto d’inverno
che li ha fatti dormienti
né del tempo che ritorna 
come fosse inatteso
ad ogni nuovo aprile.

Come li invidio, quei cuori leggeri
che si scoprono felici per il volo di una rondine
che sbocciano come la prima gemma 
e che lieti fanno di ogni inverno 
una stagione dei fiori. 

Nei nidi e nei rifugi
Cuccioli e pulcini si affrettano 
Alla vita che li attende 
E i prati brulli 
Si colorano di viole e margherite.

Un'acqua improvvisa 
Sorprende bombi e api
Lacrima sulle erbe
E lascia sui petali
Diademi che scintillano 
Al nuovo sole.

A nessuno importa se l'inverno muore
Tale è l'imperio della vita nuova
E colui che muore
È solo e dimenticato  

Ma tu non puoi dimenticare
La stagione dei fiori non ti si addice

Fiori e gemme te li porti dentro
Come un cuore 
Che molto ha amato
E non può più rifiorire 

A primavera.

Colonna sonora della lettura:

Le quattro Stagioni – Violino Concerto in F Minor, Op. 8 No. 4, RV 297 “Winter” Allegro non molto Antonio VIVALDI, Winter, Joshua Bell, Academy of St. Martin in the Fields

Lessico dei giorni di inverno
Lessico dei giorni d’inverno

Quando più rarefatta
L'aria si fa lucente
E lontano nel giardino sospeso 
Cristalli preziosi ed umili 
Ornano di fantasmagorie i rami spogli
Un sole reticente
S'affretta all'orizzonte 
Attratto da un altro emisfero.

Vapori di nebbie
Storti ai lampioni 
Animano le statue del ponte
Celano le acque del fiume 
Si uniscono alle chiome rade
Che fanno degli alberi 
Immobili passanti d'argento 
E ancora più lontano stridono i gabbiani.

Inaspettati
I fiori del nespolo e del calicanto 
Attendono pazienti
I loro amanti 
Mentre i sentieri s'azzurrano di brina.

Se i passi tuoi si affrettano
È perché il gelo 
Non raggiunga la tua anima, 
Ma si fermi 
Alle labbra livide, alle mani bianche
Ai pensieri disadorni, 
Agli sguardi distolti. 

Oltre le vetrine, 
Luci false e calori artificiali
Avvolgono volti animati
Eleganti e indifferenti
Buoni per tutte le stagioni
Mentre nelle fontane il gelo
modella il ghiaccio in forme di cattedrale.

Come la semente cerca il sole nell’attesa
Noi cerchiamo rimedio
In quella differenza nascosta
Che sola feconda
Il nostro intelletto.

Colonna sonora della lettura:

Le quattro Stagioni – Violino and Strings Concerto in G Minor, Op. 8 No. 2, RV315 “Summer” Allegro Antonio VIVALDI

Tempo d’estate
Tempo d'estate 

Guarda:
Alte nel cielo azzurro
Metamorfosi di nuvole imperfette   
Opalescenti velieri
Navigano verso imbarchi sconosciuti   
Mare di campi arati 
S’inonda di colline 
E si rifrange
Fra case abbandonate.
Se anche del vento  
Un’Eco rispondesse 
Non troverebbe voce 
In tanta inerzia
Ma rarefatta essenza 
Ferisce gli sguardi insoddisfatti
Ah quanto lontano stanno
Corpi rappresi di creme e di vacanze
E vanno monadi felici
Stipati nel proprio deserto
Povero cuore entropico
Ricolmo di voli d’angelo
Raccatta le tue scorie dimezzate
Nell’insostenibile luce abbacinante
Fragore di cicale
Canta nel silenzio

Se questa raccolta di poesie ti é piaciuta, non esita, CONDIVIDILA, con i pulsanti che troverai qui sotto

MESSAGGIO IN UNA BOTTIGLIA

Poesia di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazione di Domenico Laghezza

Cerca nel mare
se non puoi nel vento 
Cerca la verità in una contraddizione

Non puoi salvare l'oblio dall'oblio 
Non puoi fermare la notte 
Se gli occhi lacrimano di un'altra luce:
Devi accettarne il sacrificio 
Lungo la strada 
La sola 
Che al poeta è destinata
E che mai potrà riconoscere.

Se credi nel destino
Scrivilo nel tuo cuore
Affidalo alle correnti
Perché il mare lo accolga
In cerca di una risposta.

Lungo la strada ignota
Sorseggia ricordi dolceamari:
Al di là del sogno e del disincanto 
Nel rapimento troverai la salvezza.

Credimi: il vento legge nel tuo cuore
E scrive sulle onde
Sempre lo stesso
Destino.
MESSAGGIO IN UNA BOTTIGLIA

Musica: TEMPESTA DI NOTE

Epidemic sound

http:// http://www.purple-planet.com

Licensed under Creative Commons: by attribution 3.0 Licence

http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/

Song: Dark taupe

Artist: Arden Forest

Se questa poesia ti è piaciuta, CONDIVIDILA, utilizzando i pulsanti che troverai qui sotto.

Grazie

nascita della poesia

di Marco Cavallero

Voce di Graziella Brusa

Illustrazioni di Domenico Laghezza

Se un giorno una lacrima
Da una rosa è scesa a indorare 
Il tuo volto

E’ perché nel regno millenario
un dio senza misericordia
Ti ha donato una Chimera

Dopo aver vagato per secoli
Ecco ti indica
La strada mancata di un viaggio disatteso

Il sogno di una notte  
L’istante in cui un angelo ha aperto l’ali
Il volto esangue nel suo divenir taciturno

Al crocevia 
Un poeta notturno veglia nei pelaghi del cielo
Un altro toglie la maschera che cela 
Un altro poeta e un altro e un altro
Nella finzione mimica del dolore
che solo lì è stato autentico

Ma tu
Troppo presto hai perduto 
La verginità di questo infingimento

E fra le strade del vero
Hai smarrito il caro immaginar
In mezzo al bric-à-brac del sol dell’avvenire

E questo falso movimento
Ti ha portato in nessun luogo 
Fuori dal cuore, nudo a te stesso

Nel teatro del mondo
La maschera più difficile da indossare 
È la verità 

Ma solo quella ti riveste
Di tutte le gemme 
Di una forza inossidabile 

La poesia la cela

Non per pudore 
Ma per amore
Di libertà


NASCITA DELLA POESIA

Musica: Gustav Mahler Adagietto, Sehr Langsam

Interpreti: Terenzio Sacchi Lodispoto e l’Orchestra Virtuale del Flaminio

Se questa poesia ti è piaciuta, CONDIVIDILA, utilizzando i pulsanti che troverai qui sotto.

Grazie

UBRIACO DI VITA

una poesia di Rose Bazzoli

voce di Graziella Brusa

Quando dai la faccia

al sole e la risata

gorgoglia in gola

e la vita preme dentro

e c’è l’ansia di viverla

anche a testa in giù

a perpendicolo di un’idea

balzana

e sei giovane e ti senti

immortale.

UBRIACO DI VITA

UBRIACO DI VITA

Chi è Rose Bazzoli?

Classe 1952, è bresciana, ma ha soggiornato a lungo in varie città d’Italia e all’estero. Oltre agli studi classici, si è dedicata allo studio di diverse lingue straniere; l’inglese è tuttavia la lingua che l’ha vista maggiormente impegnata, anche professionalmente. Ha lavorato infatti come interprete per committenti americani, svedesi e tedeschi. Negli ultimi anni ha collaborato su alcuni siti web di scrittura, con poesie e racconti e occupandosi di traduzioni dal e in inglese. Ha all’attivo alcune pubblicazioni di interesse locale e il libro di racconti per ragazzi:”Storie per tutti i giorni”.

Se ti è piaciuta questa poesia di Rose, CONDIVIDILA, attraverso i pulsanti che troverai qui sotto.

Potete leggerla gratuitamente, condividerla, regalarla a qualcuno, risentirla durante il giorno, ma non dire che è farina del vostro sacco!